Galleria Artisti

Calendario Eventi

 
ANNAMOROLIN_LIBROVERDE_1987_COLLAGESUGARZA_CM58X440.jpg giulioLOCATELLI_MappeUrbane.jpg RICCARDOAJOSSA_Landscape_2016.JPG GIULIACARIOTI_Eserciziditintura_ROSSO_2016.jpg MARIAGRAZIAMEDDA_Tradizione_tecnicamista_82x100cm_2016.JPG

La mostra “Spoleto Fiberart.II – Contaminazioni” è ancora visitabile sino a fine mese di settembre 2017

Il Comune di Spoleto ha autorizzato l'ulteriore proroga della mostra al Museo del Costume e del Tessuto per tutto il mese di settembre 2017 e dunque anche la galleria seguirà analoga proroga. Gli orari nei rispettivi spazi espositivi sono i seguenti: presso il Museo: venerdì - domenica///ore 15 - 19 presso la galleria : venerdì - domenica///ore 10 - 19 Indirizzi Museo del Costume e del Tessuto, Piazza Sordini Galleria Officina d'Arte&Tessuti, Via Plinio il Giovane 6


 
LADDERS-JRT.jpg PERFORMANCE-23.JPG 1128FILEminimizer.JPG 1122FILEminimizer.JPG

LADDERS - Justin Randolph Thompson in collaborazione con Leon Jones e Yosief Teklay

Performance Sonora - 30 giugno 2017 - 19,00 SALA PEGASUS P.zza Bovio, Spoleto

LADDERS Justin Randolph Thompson in collaborazione con Leon Jones e Yosief Teklay Durata: 30 minuti Performance Sonora Ladders è una performance sonora che esplora i concetti di ascensione e aspettative spirituali messe in dialogo con un retroscena di dislocazione culturale. L’opera impiega il linguaggio della tradizione del Sacred Steel ( utilizzo di chitarre lap steel per parlare a Dio) e l’allenamento sportivo per rivalutare il rigore di impegno spirituale, per sradicare approcci egocentrici del lavoro sociale. La performance trae ispirazione dall’origine della ‘scala romana’ come attrezzo temporaneo che permetteva di addobbare dei luoghi sacri durante le festività. Questo lavoro ingaggia due oggetti scultorei; un podio autoilluminante che funziona anche come sacco del pugilato e una scala che supporta un servo-muto. Insieme creano un miscuglio di gesti di lavoro nel contesto dell’oggettività intellettuale messa in dialogo con attrezzi utilizzati per l’elevazione e il rendimento fisico. Supportando due chitarre lap steel e un impianto di alto parlanti questi oggetti sono i principali elementi della performance sonora in conversazione con una chitarra Krar (chitarra della tradizione eritrea). LADDERS Justin Randolph Thompson in collaboration with Leon Jones and Yosief Teklay Duration: 30 minutes Sound Based Performance Ladders is a sound based performance addressing ascension and spiritual aspirations against the backdrop of cultural dislocation. The work uses the language of the Sacred Steel church tradition and sports training to revalidate the rigor of spiritual commitment and shed self-centered approaches to social engagement. The work draws its inspiration from early use of the ‘scala romana’ or roman ladder as a temporary means for the decoration of religious sites in times of festivities. The performance engages two sculptural props, a self-illuminating podium which doubles as a punching bag and a stepladder that supports a suit valet. These props seek to mix gestures of labor in the context of intellectual objectivity with tools for physical elevation and refinement. Supporting two lap steel guitars these props become the principle sound components in dialogue with the Eritrean Krar.


 
bersaglipredominatolow.jpg BB-INIZIOALLESTIMENTO-2.JPG GALLERIA-5.JPG GALLERIA-7.JPG GALLERIA-8.JPG AA-LOCANDINAFESTIVAL-1.JPG

“Spoleto Fiberart.II – Contaminazioni” 30 giugno – 31 luglio 2017

Galleria Officina d’Arte&Tessuti – Museo del Tessuto e del Costume

COMUNICATO STAMPA A due anni di distanza dalla prima mostra organizzata dalla galleria “Officina d’Arte&Tessuti” a Spoleto torna quest’anno “Spoleto Fiberart.II – Contaminazioni” dal 30 giugno al 31 luglio. La mostra,ufficialmente inserita nel Programma del Festival dei 2Mondi, è curata da Maria Giuseppina Caldarola ed allestita tra il Museo del Costume e del Tessuto e gli spazi della galleria di Via Plinio il Giovane. Il medium fibra è rappresentato in tutte le possibili declinazioni, da qui il sottotitolo “Contaminazioni”. Oltre ad artisti affermati, comprese figure “storiche” quali Lydia Predominato ed Anna Moro Lin, la presenza di una folta rappresentanza di giovani. Questo grazie alla collaborazione con la DARS di Udine, Associazione che promuove ed organizza la Rassegna biennale del Libro d’artista, che presenta la selezione della sua ultima edizione (2016). In particolare si potrà prendere visione dei lavori di docenti e studenti dell’Accademia di Belle Arti di Bologna e Barcellona, dei Licei artistici di Udine e Cortina d’Ampezzo, della Scuola Internazionale di Grafica di Venezia. Sono stati invitati anche studenti e docenti dei corsi di Tecnologia della carta delle Accademie di Belle Arti di Roma e Milano, nonché dalla Scuola di Arti Ornamentali di Roma Capitale, sezioni “tessitura” ed “arazzo”. L’Associazione le Arti Tessili, organizzatrice del Premio Valcellina, presenterà invece quattro artiste straniere provenienti da Germania, Polonia, Giappone, Corea del Sud.


 
DSCN0226.JPG

22 aprile - 20 maggio 2017 "IL VERDE CANCELLA L'INCHIOSTRO"

MOSTRA PERSONALE DI MARILENA SCAVIZZI - arazzi e ceramiche




 
8-3-8-4.jpg

EVENTI PROGRAMMATI NELL'AMBITO DELLA GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA DONNA 2017

Evento di chiusura del Programma a cura della galleria "Officina d'Arte&Tessuti" - Anteprima della personale di Marilena Scavizzi e concerto di Monica Pontini

Spoleto 8 aprile – ore 17,30 Galleria “Officina d’Arte&Tessuti” Via Plinio il Giovane 6/10 Sabato 8 aprile p.v. a chiusura del Programma 2017 dedicato alla Giornata internazionale della Donna, la galleria presenterà un’anteprima della mostra personale dell’artista Marilena Scavizzi. Seguirà un concerto della violinista Monica Pontini che eseguirà musiche dalle 12 Fantasie per violino solo senza basso (1735) composte da Georg Philipp Telemann La mostra della Scavizzi (23 aprile – 21 maggio) è la prima delle due mostre del 2017 dedicate alla Fiberart, infatti da giugno a luglio tornerà a Spoleto la collettiva di Fiberart alla sua seconda edizione, con alcune peculiarità: il medium fibra sarà rappresentato in tutte le possibili declinazioni, da qui il sottotitolo “Contaminazioni”; saranno esposte opere di giovani artisti e saranno coinvolte Accademie di Belle arti, oltre ad un presenza dell’Associazione che organizza la Biennale del Libro d’artista di Udine. Anche in questa occasione il Comune di Spoleto ha concesso l’uso del Museo del Costume e del Tessuto, luogo ideale nel quale sperimentare un dialogo tra passato e contemporaneità, la Fiber-art come innovazione ed espressione artistica contemporanea.


 
DSC_0099.JPG DSC_0106.JPG DSC_0104.JPG

Inaugurazione mostra TRANSHUMAN - Sala Pegasus 25-6-2016




 
transhuman-concept11.jpg

Audrey Coïaniz - Saul Saguatti (BASMATI): TRANS/HUMAN

Una retrospettiva del gruppo e anteprima del video «ORAGE» di Audrey Coïaniz SPOLETO 25 GIUGNO – 31 LUGLIO 2016

SPOLETO 25 GIUGNO – 31 LUGLIO 2016 In occasione del 59°Festival dei 2Mondi di Spoleto la galleria “Officina d’Arte&Tessuti” ha allestito una mostra del gruppo di videoartisti “BASMATI” (Audrey Coïaniz e Saul Saguatti) curata da Silvia Grandi e Pasquale Fameli dell’Università Alma Mater Studiorum di Bologna, Dipartimento delle Arti, in collaborazione con M. Giuseppina Caldarola. All’inaugurazione, prevista il 25 giugno alle 18 presso la Sala Pegasus, sarà presente il co-curatore con una presentazione del lavoro dei due videoartisti, alla quale seguirà lo spettacolo “DIALOGO VIDEOARTE E MUSICA”, che mostrerà in anteprima il video “ORAGE” di Audrey Coïaniz (in versione cortometraggio) mentre Monica Pontini (violino) e Angelo Silvio Rosati (pianoforte) eseguiranno brani musicali da Paul Hindemith. L’opera-video “ORAGE” ed il concerto dal vivo, che inaugurano la mostra, esprimono una nuova concezione dell’abbinamento musica e videoarte. La galleria non è nuova a queste forme di sperimentazione e infatti lo scorso anno ha promosso e co-prodotto un intervento del medesimo gruppo (Basmati) nella serata “Schubertiade 2015” della Stagione Lirica del Teatro A. Belli di Spoleto. Con lo spettacolo che inaugura la mostra TRANS/HUMAN si vuole dare l’avvìo ad un progetto che prevede la realizzazione di una Rassegna biennale di videoarte e musica, che si svilupperà nei prossimi anni.


 
144.jpg

MIGRAZIONI - Spoleto 8 - 28 marzo 2016

Programma per la Giornata Internazionale della Donna 2016

GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA DONNA 2016 “Officina d’Arte&Tessuti” di Spoleto PROGRAMMA 8 – 28 marzo «MIGRAZIONI» COMUNICATO STAMPA Martedì 8 marzo alle ore 16.30 a Palazzo Mauri si svolgerà l’incontro con il giornalista e scrittore Luca Attanasio, collaboratore tra gli altri di Repubblica.it, Limes, Famiglia Cristiana e della redazione del programma RAI La storia siamo noi, che nell’occasione presenterà “Se questa è una donna”, uno dei suoi libri sul tema delle migrazioni. L’autore si è ripetutamente trovato di fronte a narrazioni di vicende drammatiche e insieme degne di dignità letteraria, pronte per essere rappresentate su un proscenio. Da qui la scelta di dare una veste narrativa alle tre storie di Shirin, Aminata, Yergalum. La conversazione sarà alternata con la lettura di alcuni brani da parte di Marina Antonini. Nella medesima giornata di martedì 8 marzo alle ore 18.30 presso la galleria “Officina d’Arte&Tessuti”: apertura della mostra “MIGRAZIONI”. Le opere esposte vanno intese come archetipi presenti nell’inconscio, che trasmigrano nella coscienza di noi tutti ed in quella degli artisti e rappresentano bene questa drammatica transumanza della nostra epoca. Sono sensazioni e soprattutto riflessioni espresse dall’arte, la quale riesce a cogliere gli elementi drammatici e lirici degli avvenimenti, della mutazione nei tempi, dei valori e della storia. Un profilo che guarda e si interroga sul presente ed il futuro. Gli artisti coinvolti: BASMATI, Elisabetta Diamanti, Stefano Di Stasio, Emanuela Duranti, Vittorio Fava, Roberto Mannino, Noushin Mogthader Gilvaei, Lydia Predominato, Virginia Ryan, Maria Teresa Romitelli. Sabato 12 marzo ore 18.00 galleria “Officina d’Arte&Tessuti”: inaugurazione della mostra e concerto di Monica Pontini (violino) ed Angelo Silvio Rosati (organo) che eseguiranno il programma “Il violino nel Seicento da Roma a Magonza”. Galleria “Officina d’Arte&Tessuti” – Via Plinio il Giovane, 6/8 – SPOLETO (PG)-www.officinadartetessuti.c i.c o – +39 333 3763011 Orario: venerdì - domenica ore 11 – 19 e su appuntamento


https://www.officinadartetessuti.com

 
BASMATI2.jpg DSCF0073.jpg DSCF0023.jpg

LIEDER & LIEDER 10 - SCHUBERTIADE 2015

Spettacolo multimediale di musica, poesia e immagini Martedì 22 settembre 2015 (ore 21.00) – Complesso Monumentale di San Nicolò

Spoleto, 14 settembre 2015. Un grande compositore austriaco e la poesia del genio della letteratura tedesca, un duo di video-artisti, pianisti e giovani voci del Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto: tutto questo è Schubertiade 2015. La decima edizione di “Lieder & Lieder” dedicata anche quest’anno ad uno dei più grandi autori di liederistica, Franz Schubert, sarà in scena al Complesso Monumentale di San Nicolò martedì 22 settembre alle ore 21.00. Un’unica data, per un viaggio speciale: i testi di Johann Wolfgang Goethe accompagneranno la musica di Franz Schubert. La scelta del Teatro Lirico Sperimentale non è casuale: nessuno, nella storia della musica, ha saputo interpretare i Lieder meglio del compositore viennese. Tutta la sua produzione, oltre a costituire il punto di partenza della stagione romantica tedesca (e la sua vetta), ha un valore trasversale: l’aver sdoganato un genere considerato di seconda fascia, elevandolo ad una piena dimensione drammaturgica. Una dimensione che sarà arricchita dalla creatività di Basmati: Audrey Coïaniz e Saul Saguatti, una coppia di artisti che presenteranno una serie di installazioni e performance visuali, filmati ed animazioni, volti a creare un forte impatto evocativo che scardinerà la consueta fruizione della musica classica. Lo spettacolo, nuovo allestimento del Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto “A. Belli”, è dedicato alla memoria del Dott. Pietro Nocchi ed è stato realizzato grazie alla collaborazione con la Galleria “Officina d’Arte&Tessuti” di Spoleto. TESTO CRITICO DI SILVIA GRANDI Video live animation/Instant Film Schubertiade 2015 Cosa può rendere inusuale una serie di Lieder di Franz Schubert oggi? Sicuramente una sfida importante come quella portata avanti dal duo Basmati, gli artisti Audrey Coïaniz e Saul Saguatti, con il Video live animation/Instant Film che si innesta nello spettacolo multimediale di musica, poesia e immagini pensato per Schubertiade 2015. All’alternanza dei canti romantici e dei brani poetici di Johan Wolfgang von Goethe recitati, si accompagnano le immagini video realizzate in animazione live e dai video precostituiti, in un crescendo che vede via via strutturarsi un tappeto visivo di forte impatto evocativo che scardina la consueta fruizione della musica classica. I brani di scrittura tracciati ad inchiostro con pennelli su carta riproducono i testi recitati, fondendosi con lo sfondo o cagliandosi in sottili giochi grafici, fatti di trasparenze, evanescenze e cancellature abilmente miscelate negli spezzoni di video preparati da Audrey Coïaniz. Mentre di rimbalzo, sul cantato dei tredici brani schubertiani comincia a comporsi l’animazione live di Saul Saguatti, eseguita usando elementi figurativi semplici, semiastratti, tracciati con gessetti e con colori e ritmi di volta in volta adattati alla melodia, al fine di far convivere immagini animate sempre più complesse con il flusso sonoro. Questa affermazione del duo Basmati sintetizza in poche parole l’operazione complessa di questo evento di video live animation: “essere sulla scena in tempo reale come il suono, interpretando in maniera visiva una tradizione storica”, ovvero come attraverso il linguaggio elettronico sia possibile filtrare in diretta un fare artistico manuale come il disegno, reinterpretando l’immaginario romantico in parallelo alla sua esecuzione musicale e canora, per arrivare ad un insieme finale estremamente innovativo e di grande impatto sinestetico, in cui convivono tutti gli elementi di un ipotetico e contemporaneo Wortondrama di wagneriana memoria. Silvia Grandi


 
DSC_0870.jpg DSC_1117.jpg DSC_1121.jpg DSC_0956.jpg

PROGRAMMA DI EVENTI COLLATERALI DELLA MOSTRA FIBER ART

FRAGILI FOGLI

«FRAGILI FOGLI» - Un omaggio ad EDINA ALTARA Azione scenica per un solo spettatore Venerdì 17 e sabato 18 luglio 2015 presso la galleria “OFFICINA D’ARTE&TESSUTI” di Spoleto, a partire dalle ore 21, saranno complessivamente 24 gli spettatori che potranno assistere all’evento organizzato nell’ambito della mostra “FIBER ART” allestita tra galleria e locale Museo del Tessuto e del Costume a cura dell’Officina. E’ il terzo episodio “Alla ricerca di Edina Altara”, artista sarda nata a Sassari nel 1898 e morta a Lanusei nel 1983. Illustratrice, creatrice di moda, dal 1942 divenne collaboratrice di Gio Ponti. L’azione scenica su progetto di Marco Nateri vede coinvolti Federica Crispini che, nella prima parte, racconterà la favola “Edina e il gatto” scritta da Federico Spano, scrittore e curatore dell’Archivio Altara, nipote dell’Artista. Successivamente, la musica composta per l’occasione dal compositore e pianista Egidio Flamini, introdurrà lo spettatore nel teatrino di carta dove il “burattinaio” Marco Nateri illustrerà, attraverso immagini, la vita della nostra Edina. Conclude la serata la proiezione del video «Amor! Amor!!» diretto da Marco Nateri su testo di Federico Spano, voce narrante Cristina Maccioni….Brindisi a mezzanotte con tutti i partecipanti all’evento.


 
IMMAGINE.JPG Aubusson.jpg DSC_3000.jpg DSC_2336.jpg DSC_2381.jpg DSC_2415.jpg DSCF0001a.jpg DSCF0001.jpg

"Cartons di tapisserie d'Aubusson"

Spoleto 18 settembre - 3 ottobre 2015

COMUNICATO STAMPA Dagli arazzi presenti nella mostra “FIBER ART” allestita presso il Museo del Costume e del Tessuto di Spoleto (prorogata a tutto il mese di settembre), agli arazzi di Aubusson: uno sguardo al passato per apprezzare il valore storico, culturale ed antropologico che lega l’uso delle fibre all’Arte. Per la prima volta sarà esposta in Umbria, nella città di Spoleto, una selezione di “Cartons de Tapisserie d’Aubusson” proveniente dalla AlVy, la più importante collezione italiana. Si tratta dei dipinti a olio o tempera che servivano da modello ai tessitori d’arazzi delle manifatture francesi di Aubusson, comune francese situato nella Regione del Limousin che fu nel XVI e XVII secolo uno dei massimi centri di produzione di arazzi. I cartons, che oggi tornano a nuova vita come vere e proprie opere d’arte grazie alla passione dei collezionisti, sono i dipinti realizzati da artigiani specializzati, i “peintres cartonniers”, un mestiere ormai scomparso con la progressiva chiusura delle manifatture e con l’adozione di nuove tecnologie. Scene pastorali e mitologiche, composizioni floreali, animali e scene galanti, questi i temi più rappresentati dai pittori che preparavano i dipinti per far sì che dal linguaggio pittorico si giungesse a quello tessile nella produzione di arazzi, cuscini e tappeti. La produzione di arazzi di Aubusson, conosciuta in tutto il mondo fin dalla seconda metà del 1600, dal 2009 è stata riconosciuta dall’Unesco come Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità. L’inaugurazione della mostra sarà preceduta da una presentazione di Valérie Robert Giurietto che si terrà a Palazzo Collicola. SCHEDA TECNICA VENERDI 18 SETTEMBRE 2015 alle 18.00: conferenza di presentazione a cura di Valérie Robert Giurietto (ALVy) presso Palazzo Collicola, P.zza Collicola 1, nell’ambito della Rassegna “Mezz’ora dopo la chiusura” organizzata da Sistema Museo. alle 19.30: inaugurazione della mostra presso l’Officina d’Arte&Tessuti, Via Plinio il Giovane 6-8. ORARIO DI APERTURA dalle 11,00 alle 13,00 e dalle 16,00 alle 20,00 (chiuso lunedì e martedì) dal 18 Settembre al 3 Ottobre 2015 Per informazioni: Tel.3333763011 info@officinadartetessuti.com/www-officinadartetessuti.com/www.cartondetapisserie.com Con il Patrocinio di Regione Umbria, Comune di Spoleto, Alliance Française di Foligno, in collaborazione con SISTEMA MUSEO


 
FIBERARTCONCEPTretro.jpg DSC_2732.JPG DSC_2732.JPG DSC_2746.JPG DSC_2836.JPG DSC_2835.JPG

PR PROGRAMMA DI EVENTI COLLATERALI DELLA MOSTRA FIBER ART

EVENTI DAL 2 AL 4 LUGLIO 2015

COMUNICATO STAMPA PARTE IL PROGRAMMA DEGLI EVENTI COLLATERALI ALLA MOSTRA “FIBER ART” allestita PRESSO IL MUSEO DEL TESSUTO E DEL COSTUME DI SPOLETO A Spoleto presso la galleria “Officina d’Arte&Tessuti” situata nel centro antico in Via Plinio il Giovane, 6-8 prende avvio il Programma di eventi a latere della mostra “FIBER ART” allestita tra la galleria ed il Museo del Tessuto e del Costume. Si parte venerdì 3 luglio alle ore 19,00 con i due film d’artista della regista Clarita Di Giovanni dedicati a Maria Lai: “Ansia d´infinito” (2009, 52 min.) – “Post Scriptum” (2013, 45 min.). Sabato 4 luglio 2015 alle ore 18.00 verrà invece presentata una performance di Diana Poidimani, Maestra cestara e raffinata artigiana sarda specializzata nella tecnica del macramè. Vedremo l’eroina (Diana) che, infilando PER-LE di scarsa saggezza, una dopo l'altra, tenterà di spiegare come far sì che tanti tonfi (annunciati) possano risolversi in collana, con la quale agghindarsi sorridendo e trarne vanto a dispetto dei benpensanti... Un pomeriggio PER-LA vita, PER-L(‘)A more. A seguire, verrà poi proiettato il video: “SheeTale” un’opera corale nel quale si mescolano diversi saperi: dalla professionalità di tipo artigiano, legata alla tradizione della tessitura, a quella connessa al mondo della comunicazione per immagini, alla composizione musicale e sonora, al linguaggio delle arti performative. Si tratta di una narrazione al femminile che parte da un oggetto di uso comune: il lenzuolo (sheet). Erede di storie pregresse, confinato in bauli, cantine o mercati, floreale, variopinto o scolorito, consunto, pronto per il macero o ben stipato negli armadi al sapor di canfora, il lenzuolo diviene protagonista di una rinata narrazione. Infatti, dal materiale fornito da vecchie lenzuola il gruppo di donne protagoniste del video realizza un tappeto-cesto circolare, del diametro di 5 mt con la tecnica della tessitura, che ha coinvolto più corpi coesi e inclusi a formare, in un onirico passaggio di scala, un “telaio umano” . E’ una danzatrice a tessere con il proprio corpo (divenuto mani) questo racconto di intrecci attorno ai corpi dei 15 “perni” del “telaio”. L’opera è stata realizzata dalla collaborazione di 4 artiste: Isabella Faggiano, Diana Poidimani, Lucia Pagliuca (presente con due opere nella mostra al Museo), Lara Di Maio. Contatti e info: Tel. + 39 0743 840433/333 3763011 |info@officinadartetessuti.com|www.officinadartetessuti.com Officina d’Arte&Tessuti, Via Plinio il Giovane 6-8, Spoleto


 
DSC_9501.jpg DSC_9463.jpg DSC_9446.jpg DSC_9462.jpg DSC_9319.jpg

FIBER ART // dal 27 giugno al 31 agosto 2015

COMUNICATO STAMPA Sabato 27 giugno alle ore 16.30 presso il Museo del Costume e del Tessuto verrà inaugurata la mostra “FIBER ART” organizzata dalla galleria Officina d’Arte&Tessuti di Spoleto con l’importante supporto del Comune di Spoleto. La mostra è curata da Maria Giuseppina Caldarola, Bianca Cimiotta Lami e Lydia Predominato, con testo critico di Gianluca Marziani. L’iniziativa nasce da un’idea della galleria della quale il Comune, attraverso il Direttore di Palazzo Collicola Arti Visive, Gianluca Marziani, ed il proprio Assessorato alla Cultura, ha condiviso la proposta ed ha offerto di farsi co-organizzatore mettendo a disposizione il locale Museo del Costume e del Tessuto, in tal modo cogliendo l’opportunità correlata di valorizzare un patrimonio comune, nello specifico i reperti e manufatti tessili nonché le collezioni in esso conservate. Dopo la mostra “Carteggi”, incentrata sul medium carta, la mostra “Fiber Art” è il secondo appuntamento della Rassegna, patrocinata anche dalla Regione Umbria, che propone un focus sull’uso delle fibre nell’arte contemporanea. La mostra si dipana tra Museo e galleria dove, oltre all’installazione di Noushin Moghtader (La fuga di Dafne), è allestita la sezione video e fotografia. La mostra presenta all'attenzione del pubblico una selezione di 19 artisti e 35 opere, un ampio ed eterogeneo corpus che fa riferimento a poetiche diversificate, dall’astratto all’arte povera, dal video alla fotografia, con l’obiettivo di promuovere la conoscenza di tale rappresentanza artistica nell’ambito dell’Arte contemporanea. Il patrimonio archetipico su cui si basa la Fiber-art è la caratteristica più affascinante, sia per gli artisti, che sono sollecitati ad usare le fibre nelle più svariate forme, sia per il pubblico, che si sorprende e commuove nel cogliere richiami ancestrali di fronte ad alcune di queste opere. Ed è naturale che sia così, se si pensa che il tessere è la prima attività complessa per mezzo della quale l’uomo si è evoluto, interagendo con l’ambiente. E’ anche importante sottolineare che la mostra trova nella tradizione tessile umbra un terreno fecondo, infatti l’Umbria può vantare una forte tradizione nella tessitura e nell'artigianato artistico tessile. Da questo background prende forma l’idea di un dialogo tra passato e contemporaneità, la Fiber-art come innovazione ed espressione artistica contemporanea, attraverso il medium tessile. Scheda Tecnica Inaugurazione: sabato 27 giugno 2015, ore 16.30 – presso Museo del Costume e del Tessuto – Piazza Giuseppe Sordini GLI ARTISTI ENRICO ACCATINO, RICCARDO AJOSSA, EVA BASILE, PAOLA BESANA, VITO CAPONE, ETTORE CONSOLAZIONE, ELISABETTA DIAMANTI, ALESSANDRO D’ISANTO, VITTORIO FAVA, LUCIANO GHERSI, ROBERTO MANNINO, NOUSHIN MOGHTADER, GINA MORANDINI, ANNA MORO LIN, LUCIA PAGLIUCA, LYDIA PREDOMINATO, VIRGINIA RYAN, MARILENA SCAVIZZI, FRANCA SONNINO Curatori: M. Giuseppina Caldarola, Bianca Cimiotta Lami, Lydia Predominato Testo critico: Gianluca Marziani Catalogo: a cura di M. Giuseppina Caldarola, a disposizione in galleria a titolo gratuito Orario apertura: ore 11-13/15-19 Museo; ore 11-13/16-20 galleria Eventi collaterali: durante il Festival la galleria presenta una programmazione di eventi il cui programma è reperibile sul sito o contattando direttamente gli organizzatori. Contatti: Tel. + 39 333 3763011|info@officinadartetessuti.com|www.officinadartetessuti.com Officina d’Arte&Tessuti, Via Plinio il Giovane 6-8, Spoleto


 
MichelangeloConteOK.jpg CLAUDIOPERRI.jpg

PROROGA DELLA MOSTRA CARTEGGI AL 16 MAGGIO

AVVISO DI PROROGA DELLA MOSTRA “CARTEGGI” 27 artisti ed il medium carta Spoleto, 28 marzo – 3 maggio 2015 COMUNICATO STAMPA La mostra “CARTEGGI: 27 ARTISTI ED IL MEDIUM CARTA” VIENE PROROGATA AL 16 MAGGIO P.V. Organizzata dalla galleria “Officina d’Arte&Tessuti” di Spoleto, a cura di Giorgio Di Genova con la collaborazione di Maria Giuseppina Caldarola, la mostra ha riscosso un notevole interesse ed ha fornito agli organizzatori l’occasione per intessere alcuni contatti con analoghe realtà italiane ed estere. “Questo è uno degli obiettivi centrati – afferma la titolare della galleria – poiché segna un primo passo fondamentale nel percorso da seguire per la realizzazione di una Rassegna annuale e/o biennale sul l’uso del medium carta. La strategia deve necessariamente fondarsi su una rete di interlocutori, privati ed istituzionali, con i quali sviluppare progetti in un’ottica di massimizzazione delle risorse esistenti, reali e potenziali.”. Con l’occasione gli organizzatori segnalano che, per motivi di forza maggiore, l’incontro con l’artista Ezio Flammia dal titolo: ”La storia della cartapesta nell’arte, dal XV secolo all’uso nell’arte contemporanea” è rinviato a data da destinarsi (si consiglia di consultare il sito). Contatti: Via Plinio il Giovane, 6-8 – SPOLETO (PG)|Tel. + 39 333 3763011|info@officinadartetessuti.com|www.officinadartetessuti.com


 
VITTORIOFAVA-LacorniceéloperaII.jpg

Incontro con l'artista VITTORIO FAVA nell'ambito della mostra CARTEGGI

Messa in scena dell'arte in tre atti - performance dell'artista

Incontro con l’artista Vittorio Fava sabato 18 aprile 2015 – ore 16,30 Officina d'Arte&Tessuti, Via Plinio il Giovane, 6/8 – Spoleto LA MESSA IN SCENA DELL'ARTE Performance sulle tecniche artistiche di Vittorio Fava in tre atti PROGRAMMA Atto primo La realizzazione di un'opera in carta dal titolo “ La cornice é l'opera n°4”. Atto secondo Progettazione e realizzazione di tre bigliettini d'artista in diretta. Atto terzo Realizzazione di una carta trasparente gia' usata dall'autore per opere luminose.


 
carteggi-volantino.jpg

CARTEGGI

27 artisti ed il medium carta

Sabato 28 marzo p.v. verrà inaugurata la mostra“Carteggi” presso la galleria Officina d’Arte&Tessuti di Spoleto. Si tratta della prima delle due mostre del 2015 dedicate ad artisti contemporanei che, dall’uso delle fibre, lato sensu, hanno tratto un linguaggio espressivo del tutto particolare. Si inizia con i 28 artisti in mostra, che usano la carta per realizzare collage, puzzle, sculture. La mostra, che ha il Patrocinio della Regione Umbria e del Comune di Spoleto, è curata da Giorgio Di Genova, -che é anche autore del testo del catalogo-, con la collaborazione di Maria Giuseppina Caldarola. L’allestimento del percorso espositivo è pensato in funzione delle chiavi di lettura e degli spunti che il catalogo fornisce per approfondire il tema. Il connubio tra arte e carta nasce in tempi remoti mentre, come viene evidenziato nel testo citando un volume scritto da Ezio Flammia (uno degli artisti presenti), l’uso della carta per la creazione di opere d’arte può essere datato a partire dal XV secolo, quando la cartapesta veniva utilizzata per produrre copie di sculture realizzate da artisti famosi. Più recentemente, invece, come ben evidenzia Giorgio Di Genova nel catalogo, il cartone viene indicato da Boccioni nel Manifesto della scultura futurista del 1912 “come uno dei venti materiali con cui si potevano realizzare opere plastiche, dando così il via al polimaterismo. Indicazione che fu immediatamente recepita da Braque e da Picasso ed a partire dalla quale si può affermare che la carta ed il cartone erano ormai entrati nei territori dell’arte, contribuendo non poco alla svolta onnivora di nuovi materiali nella produzione artistica del XX secolo.”. Sempre sabato 28 marzo, nel corso del vernissage, l’artista Eugenia Serafini presenterà la sua performance “Il cavaliere della luna rossa"dedicata a Samantha Cristoforetti. Altri due “Incontri con l’artista” sono previsti nei mesi di aprile e maggio: il primo, con l’artista Vittorio Fava che terrà una conversazione sulla carta e sulle tecniche di lavorazione ad uso artistico; l’altro con l’artista Ezio Flammia che affronterà la storia della cartapesta nell’arte, dal XV secolo all’uso nell’arte contemporanea (info sul sito). GLI ARTISTI SILVIO BETTI, ANTONIO BUENO, MICHELANGELO CONTE, CATERINA ARCURI, FRANCO CENCI, VITO CAPONE, BRUNO CONTE, EDITH DZIEDUSZYCKA, VITTORIO FAVA, EZIO FLAMMIA, SERGIO FLORIANI, MIRELLA FORLIVESI, FRANCO GIULI, SALVATORE GIUNTA, MARISA LELII, GIOVANNI LETO, GIANNA MAGGIULLI, ADAMO (MODESTO), ANNA MORO LIN, FRANCO PALETTA, CLAUDIO PERRI, ADRIANA PIGNATARO, TERESA POLLIDORI, CLAUDIO ROTTA-LORIA, EUGENIA SERAFINI, MARIO SURBONE, FRANCESCO VARLOTTA.


 
LiaDrei_Video22.jpg programma-1-8-marzo_retro.png LIADREI-Nel_tempo_del_sogno_2003.jpg

IMMAGINE DI DONNA III

Omaggio a Lia Drei e Clara J. Weick Schumann

OMAGGIO A LIA DREI OMAGGIO A CLARA SCHUMANN 1 – 8 MARZO 2015 Spoleto Via Plinio il Giovane 6-8 COMUNICATO STAMPA La galleria Officina d’Arte&Tessuti in occasione della Giornata Internazionale della Donna ha organizzato eventi che si svolgeranno tra il 1° e l’8 marzo 2015 ed avranno protagoniste due artiste: Lia DREI, per le Arti visive e Clara SCHUMANN, per la musica. Si inizia domenica 1 marzo quando, a partire dalle ore 11,00 si aprirà la mostra dedicata all’artista Lia DREI (Roma, 1922 – 2005), una fra le grandi artiste italiane del Novecento italiano, tra i fondatori del Gruppo 63 insieme agli artisti Di Luciano, Guerrieri, Pizzo. Si tratta di alcune opere su tela, fra le quali “Nel tempo del sogno” (2003) e “Ascoltando la IV sinfonia di Brahms” (1972) e di collages del 1969, questi ultimi eseguiti in occasione della presentazione del suo famoso libro d’artista “Iperipotenusa”, il primo libro-oggetto edito da una casa editrice (la Geiger di Torino), opera multipla acquisita da molti musei, fra gli altri dal MOMA di New York, dal CENTRE POMPIDOU, dal Musèe National d’Art Moderne de Paris e a Roma dalla Galleria Nazionale d’Arte Moderna, dal MACRO e dalla BIBLIOTECA NAZIONALE. Sabato 7 marzo, a partire dalle 16,30 si prosegue con un omaggio a Lia Drei che ricade esattamente a dieci anni dalla sua scomparsa. La dr.ssa Chiara Ceccucci avrà il compito di presentare al pubblico l’artista, in una sorta di “visita guidata” all’opera, in alternanza con momenti di lettura di alcune sue poesie. In sequenza, verrà reso omaggio ad un’altra artista, la musicista: Clara Josephine Wieck Schumann (Lipsia 1819 – Francoforte sul Meno 1896), moglie del musicista Robert Schumann ed amica, musa ispiratrice nonché vera e propria “consulente musicale” di Johannes Brahms. E sempre donne sono le musiciste: Monica Pontini, al violino e Mariachiara Fiorucci, all’arpa, che eseguiranno dei Lieder composti dalla Schumann introducendo i presenti nelle atmosfere culturali e psicologiche che segnano e ispirano la produzione romantica in uno dei suoi generi più rappresentativi.


 
exibart.jpg

Programma 2015

Errata-corrige Nella mostra di Fiber art appare fra gli artisti Federica LUZZI, inserita per un errore materiale. Ci scusiamo con l'artista.


 
fronte1.jpg DSC_0011.jpg DSC_0052.jpg DSC_0064.jpg DSC_0062.jpg DSC_0006.jpg

RASSEGNA ARType

36 artisti italiani della videoarte

ARType - Archetipi della videoarte contemporanea una selezione di opere di trentasei artisti italiani contemporanei raggruppate in sei archetipi: il rito, il gioco, il territorio, il gesto, il viaggio, il Sé Palazzo Collicola Arti Visive e l’Officina d’Arte&Tessuti di Spoleto, in collaborazione con l’Alma Mater Studiorum Università di Bologna, presentano ARType - Archetipi della videoarte contemporanea, iniziativa nata nel 2013 come emanazione del progetto Videoart Yearbook - Annuario della videoarte italiana promosso, a partire dal 2006, dal Dipartimento delle Arti dell’Ateneo bolognese. ARType (neologismo che tiene conto dei due termini “arte + archetipo” nella loro variante anglofona) è un progetto curatoriale che propone temi e chiavi di lettura trasversali utili a comprendere la videoarte contemporanea. A riguardo, il gruppo di ricerca – formato da Guido Bartorelli, Paolo Granata, Silvia Grandi, Fabiola Naldi, Stefania Portinari, docenti nelle università di Bologna, Padova e Venezia – ha individuato sei archetipi, ovvero sei elementi primordiali della cultura umana da osservare attraverso lo sguardo della videoarte. Attraverso i sei archetipi – il rito, il gioco, il territorio, il gesto, il viaggio, il Sé – è possibile ampliare le possibilità di lettura critica delle opere selezionate e organizzare al meglio la fruizione. Il team di ricerca agisce inoltre nella convinzione che il linguaggio sperimentale del video d’artista rappresenti una via d’accesso privilegiata per osservare la complessità degli assetti antropologici nel mondo d’oggi. Per la rassegna di Spoleto, due dei curatori del progetto, Paolo Granata e Silvia Grandi, presenteranno una selezione di 36 opere di artisti italiani contemporanei. Queste opere aspirano a tracciare una mappa antropologica dell’immaginario contemporaneo, svelare alcuni tratti dell’inconscio visivo, evocare le esperienze primordiali dell’esistenza umana per riscoprire, in un mondo affollato di immagini, l’irresistibile fascino degli archetipi. L’idea di archetipo, che abbraccia trasversalmente l’intera storia del sapere umano, dalla tradizione classica alle scienze umanistiche novecentesche, assume nel mondo dell’arte una valenza simbolica di proporzioni ancora maggiori, che attraverso l’intervento dell’artista traspare nella sua accezione mondana. Le forme archetipali dell’esistenza umana plasmano infatti, in maniera tacita e sommessa, le sfere dell’ordinario; condizionano le abitudini, influenzano gli atteggiamenti, i piccoli gesti quotidiani. E tutto ciò accade perché gli archetipi sono forme originali – arché/týpos –, manifestazioni ancestrali dell’immaginario simbolico, espressioni dell’inconscio collettivo radicate negli spazi reconditi del sé, che reiterano se stesse all’infinito. Destino dell’arte è infrangere questa monotona sequenza. Gli artisti, da sempre, si sono fatti interpreti di una “visione” ed a ciò non si sottrae quell’ampia compagine di sperimentatori che opera attraverso il linguaggio del video, il mezzo espressivo che per vocazione tende a scardinare i meccanismi ordinari dell’assuefazione visiva. Gli artisti selezionati: Aldo Giannotti & Markus Hofer, Alessandra Caccia, Angelo Sarleti, Audrey Coïaniz, Basmati, Bianco Valente, Botto & Bruno, Bruno Muzzolini, Christian Niccoli, Danilo Torre, Davide Bertocchi, Debora Vrizzi, Diego Zuelli, Donato Sansone, Enrico Bressan, Filippo Berta, Gabriele Picco, Giovanna Ricotta, Giovanni Kronenberg, Karin Andersen, Kensuke Koike, Luca Coclite, Marcantonio Lunardi, Marco Morandi, Massimiliano Nazzi, Michael Fliri, Michela Formenti, Natalia Saurin, Rebecca Agnes, Riccardo Benassi, Sergia Avveduti, Silvia Camporesi, Stefano Cagol, T-Yong Chung, Virgilio Villoresi, Virginia Mori. Scheda tecnica Promozione e organizzazione: Galleria “Officina d’Arte&Tessuti” – Via Plinio il Giovane 6-8, Spoleto In collaborazione con: Università di Bologna – Dipartimento Arti Visive - Videoart Yearbook Curatori: Paolo Granata e Silvia Grandi Dove: Palazzo Collicola Arti Visive - Piazza Collicola –Spoleto (PG) Inaugurazione: sabato 5 luglio 2014 ore 16 – Palazzo Collicola


http://www.officinadartetessuti.com

 
invito-Generazioneanni40.jpg

GENERAZIONE ANNI '40 (21 giugno - 27 luglio 2014)

Artisti italiani nati tra il 1940 ed il 1949

COMUNICATO STAMPA Sabato 21 giugno l’Officina d’Arte&Tessuti di Spoleto ha programmato un doppio evento nell’ambito della presentazione della mostra “Generazione Anni ’40 – artisti italiani nati tra il 1940 ed il 1949”. Alle 16.00 presso la sala conferenze del Museo Archeologico statale in Via S. Agata, il Prof. Giorgio Di Genova terrà una conferenza su: “La frantumazione del linguaggio nell’arte contemporanea”. Questo momento di approfondimento sarà l’occasione per riprendere temi e motivazioni alla base del ciclo di mostre (iniziato a dicembre 2013), che si è articolato come rassegna del secondo Novecento italiano per generazioni, ricevendo il patrocinio della Regione Umbria, della Provincia di Perugia, oltre che del Comune di Spoleto, ed è stato proposto nella convinzione che la conoscenza dell’opera delle generazioni protagoniste dell’arte italiana del Dopoguerra sia importante per ri-confermare un’identità italiana nel mondo dell’arte contemporanea. Alle 18.30, nella sede di Via Plinio il Giovane 6-8, seguirà l’inaugurazione della mostra che propone 19 tele, 6 sculture ed 1 video relativo ad un happening pittorico tenuto da una artista relazionale. Si tratta di una mostra che, sebbene non rappresenti l’universo delle forme artistiche connotanti gli appartenenti alla generazione Anni ’40, riesce tuttavia a proporre uno spaccato significativo della oggettiva varietà e molteplicità dei linguaggi espressivi riferibili al periodo preso in esame. E’ a partire da questa constatazione che i due organizzatori, Giuseppina Caldarola e Pierfrancesco Caprio, hanno voluto accompagnare quest’ultima mostra con la conferenza del Prof. Di Genova, proprio al fine di offrire un punto di vista, una chiave di lettura per meglio apprezzare, sia la sequenza delle opere in mostra, sia a ritroso l’intera rassegna. Ulteriore intenzione è che l’evento possa suscitare un dibattito sulle più significative tematiche che contraddistinguono i Gruppi ed i Movimenti artistici dei tre decenni presi in considerazione (1920-1950) e la presenza di alcuni artisti costituisce un'opportunità per acquisire testimonianze dirette dai protagonisti di questo periodo. Gli Artisti: LUCA ALINARI, FRANCO AZZINARI, UBALDO BARTOLINI, GIOVANNI BEATO, FRANZ BORGHESE, ROBERTA BUTTINI, ALFONSO CACCHIARELLI, UGO CAGGIANO, ENZO CUCCHI, STEFANO DI STASIO, MARCELLO DIOTALLEVI, BRUNO DONZELLI, VITTORIO FAVA, PAOLO GUBINELLI, CARLO IACOMUCCI, MARIO LA CARRUBBA LINA MORICI FRANCO MORRESI, UGO NESPOLO, MIMMO PALADINO, AULO PEDICINI, LYDIA PREDOMINATO, SALVATORE PROVINO, MARIA TERESA ROMITELLI, ANNA SECCIA, EUGENIA SERAFINI Curatori: Maria Giuseppina Caldarola, Daniele Taddei ORARIO DI APERTURA: 11,00-13,00/ 17,00-20,00 (salvo appuntamento e possibile apertura serale nei weekend durante il Festival dei 2Mondi). Chiuso lunedì e martedì Info Galleria: Tel. +39 3333763011-info@officinadartetessuti.com - www.officinadartetessuti.com Ufficio Stampa: Astravideo Tel. +39 3382598727 con il Patrocinio di: Comune di Spoleto, Provincia di Perugia, Regione Umbri


http://www.officinadartetessuti.com

 

IMMAGINE DI DONNA (1-9 marzo 2014)

Opere grafiche di Carlo Carrà, Giorgio de Chirico, Mario Tozzi

“IMMAGINE DI DONNA” CARLO CARRA’, GIORGIO DE CHIRICO, MARIO TOZZI Opere grafiche 1 – 9 MARZO 2014 Spoleto Via Plinio il Giovane 6-8 COMUNICATO STAMPA Spoleto – Sabato 1 marzo a partire dalle 16,30 presso l’ Officina d’arte&tessuti si apre la mostra “IMMAGINE DI DONNA” organizzata dalla galleria in collaborazione con la Modern Art Consulting. Si tratta di 17 opere grafiche di Giorgio de Chirico, Carlo Carrà e Mario Tozzi. Dopo il successo riscontrato per la mostra “GENERAZIONE ANNI ‘20”, a cura di Maria Giuseppina Caldarola e Daniele Taddei, che ha accolto a Spoleto opere uniche di importanti artisti italiani del Novecento, con questo appuntamento l’Officina d’arte&tessuti prosegue nel suo percorso teso a creare una rete di collaborazioni e sinergie tra ambiti disciplinari ed espressioni artistiche differenti, in un dialogo costante fra tradizione e contemporaneità. Una vocazione che ben si colloca a Spoleto, vetrina culturale d’eccellenza nel panorama internazionale. Nella medesima giornata, alle 18, la galleria ospiterà la presentazione della Casa Editrice Bertoni alla presenza di alcune autrici. Spoleto - Domenica 9 marzo, nella giornata di chiusura della mostra, a partire dalle 16,00 spetterà alla dott.ssa Cristina Vasta, storica del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università degli Studi RomaTre, sollecitare il pubblico con una conversazione sul tema della Donna nell’arte esaminato sotto il duplice profilo di artista e di musa ispiratrice. Con queste tre iniziative, collocate all’interno delle manifestazioni che il Comune di Spoleto patrocina e coordina in occasione dell’8 marzo, l’auspicio dei responsabili dell’Officina è quello di offrire una sede di discussione sui temi della cultura e dell’arte, nella convinzione che queste siano elementi fondanti per costruire una nuova prospettiva per la nostra società. GLI ARTISTI CARLO CARRA’ – GIORGIO DE CHIRICO – MARIO TOZZI LE OPERE CARLO CARRA’ (Quargnento 1881 - Milano 1966). L’artista realizzò tra il 1922 ed il 1928 solamente 111 lastre incise, un corpus che costituisce una fase importante della vita artistica dell’autore, il quale con questa tecnica ha sviluppato uno stile personalissimo, incidendo sulla lastra segni duri, marcati, realizzando composizioni essenziali, plastiche, silenziose. In mostra: L'idolo (acquaforte su rame – 1922) La nascita di Venere (acquaforte su rame - 1923) Donna alla scala (acquaforte – 1922) Figura femminile (acquaforte 1924) GIORGIO DE CHIRICO (Volos - Grecia 1888 – Roma 1978). Il corpus grafico realizzato da de Chirico ammonta a sole 385 tavole, comprese in diversi casi più versioni, un corpus davvero esiguo se riferito al suo lungo percorso artistico. Le grafiche esposte: La musa della storia (acquaforte/acquatinta – 1970) Profilo di donna (incisione a vernice molle su fondo colorato – 1971) Composizione romantica (incisione a vernice molle e acquatinta – 1972) Le tre sorelle (incisione a vernice molle su fondo colorato – 1972) Il filosofo e la musa (litografia a 5 colori) MARIO TOZZI (Fossombrone 1895 – Parigi 1979). Per l’artista gli anni ’70 sono stati quelli della sperimentazione grafica, che si è realizzata e compiuta in poco più di 30 opere. Saranno esposte le seguenti litografie: Le due sorelle (1978) Al circo (1977) Due volti (1979) Tre (1978) Ammirazione (1979) Profilo (1978) Isabella (1979) L'attesa (1977)


http://www.officinadartetessuti.com

 
flyer.jpg Presentazione-tavolo.jpg ME-intervista.jpg Trubbiani.jpg

GENERAZIONE ANNI '30 (5 aprile - 4 maggio 2014)

artisti italiani nati tra il 1930 ed il 1939

Il 5 aprile p.v. l’“Officina d’arte&tessuti” di Spoleto inaugura la mostra “GENERAZIONE ANNI ’30 – artisti italiani nati dal 1930 al 1939”, che rimarrà aperta fino al prossimo 4 maggio. La mostra si aprirà con una presentazione del prof. Giorgio Di Genova presso l’Hotel Clitunno e vedrà la partecipazione di alcuni degli artisti autori delle opere in esposizione, con i quali il pubblico interessato potrà interloquire. Si tratta di una generazione, quella degli Anni ’30, caratterizzata da artisti che si sono contraddistinti per la creazione di nuove forme di linguaggio, basate anche sulla ricerca di nuove tecniche e di nuovi materiali, che hanno dato vita e partecipato allo sviluppo di movimenti ed esperienze artistiche, in un clima culturale molto ricettivo e prolifico, tanto da interessare anche il cinema e l’architettura. E’ una generazione che ha vissuto in un contesto storico denso di cambiamenti, novità, provocazioni. Un periodo nel quale sono cambiati i “soggetti” e gli “oggetti”, l’individuo non ha più modo di pensare, i media dettano quotidianamente i tempi, i consumi hanno preso il sopravvento, la fragilità del verbo AVERE ha messo all’angolo la solidità del verbo ESSERE: tutti questi traumi, queste accelerazioni, vengono raccontate con grande lucidità e autentica visione dagli Artisti, anticipando di decenni comportamenti e modalità del vivere quotidiano. La mostra si presenta come naturale prosecuzione del percorso espositivo delineato nell’ambito della «Rassegna di artisti italiani del Novecento per generazioni», iniziativa che prevede tre appuntamenti con mostre ed approfondimenti riguardanti un periodo della nostra storia fortemente significativo e culturalmente vivace sotto il profilo della creazione artistica, interessando i Maestri del Novecento nati tra il 1920 ed il 1949. La rassegna, realizzata in collaborazione con la Modern Art Consulting di Daniele Taddei, con il patrocinio di Regione, Provincia e Comune di Spoleto, ha preso avvio lo scorso dicembre con la mostra “GENERAZIONE ANNI ’20 – artisti italiani nati dal 1920 al 1929” e terminerà nei prossimi mesi estivi (21 giugno-27 luglio) in concomitanza con il Festival dei Due Mondi con la mostra “GENERAZIONE ANNI ’40. Gli Artisti in mostra Vittorio AMADIO Giorgio BELLANDI Sergio BIZZARRI Ennio CALABRIA Mino CERETTI Silvio CRAIA Tano FESTA Antonio FIORE Ennio FINZI Antonio FOMEZ Elisabetta GUT Francesco GUERRIERI Oscar PIATTELLA Giuseppe RECALCATI Bepi ROMAGNONI Sandro TROTTI Valeriano TRUBBIANI Ben VAUTIER


http://www.officinadartetessuti.com

 
Officina-proroga_INVITO.jpg

Proroga mostra: "GENERAZIONE ANNI '20" (7 gennaio - 31 gennaio 2014)

Proroga della mostra

Vista la rilevanza culturale della mostra in corso, l’Officina d’arte&tessuti di Via Plinio il Giovane a Spoleto ha deciso di mantenere a disposizione degli spoletini e di tutti i cultori d’arte, per il mese in corso, le opere degli artisti italiani tra i più rappresentativi del secondo Novecento. “Ci siamo resi conto, - dicono all’Officina – che questa proroga è stata sollecitata dal nostro pubblico, da chi è venuto a trovarci, perché avrebbe avuto piacere di tornare, magari con un amico, e da coloro che non sono riusciti a farlo perché impegnati in famiglia o fuori città nelle recenti festività natalizie: a tutti abbiamo poi riservato un’importante novità, inserendo otto nuove opere nell’ambito del figurativo. In questo modo riteniamo che la mostra, così arricchita, offra uno spaccato significativo di quello straordinario periodo che è stato il Dopoguerra per l’Arte italiana”. Le nuove acquisizioni sono opera di Fernando FARULLI, Giuseppe AJMONE, Ernesto TRECCANI, Arturo CARMASSI, Mario ROSSELLO, Aldo TURCHIARO, Franco FRANCESE, Bruno CARUSO. Un’opportunità per un vasto pubblico: collezionisti, critici, studiosi ed artisti, oltre agli appassionati e curiosi che gradirebbero entrare nel mondo dell’Arte moderna italiana. L’appuntamento per accogliere i nuovi arrivi e per un brindisi al nuovo anno è per sabato 11 gennaio alle ore 12 in Via Plinio il Giovane 6-8 a Spoleto.


https://officinadartetessuti.com

 
locandina_final.jpg DSCF37552.jpg DSCF3736.JPG DSCF37352.jpg DSCF37272.jpg DSC_00042.jpg

GENERAZIONE ANNI '20 (6 dicembre 2013 - 6 gennaio 2014)

artisti italiani nati dal 1920 al 1929

COMUNICATO STAMPA “GENERAZIONE ANNI ‘20” Artisti: Carla ACCARDI Ugo ATTARDI Gianni BERTINI Remo BIANCO Gastone BIGGI Giorgio BOMPADRE Rocco BORELLA Roberto CRIPPA Giuseppe DE GREGORIO Piero DORAZIO Gianfranco FASCE Augusto GARAU Elio MARCHEGIANI Plinio MESCIULAM Mario NANNI Gualtiero NATIVI Achille PACE Achille PERILLI Cesare PEVERELLI Andrea RACCAGNI Emilio SCANAVINO Paolo SCHIAVOCAMPO Emilio TADINI Tino VAGLIERI Walter VALENTINI Vernissage: 6/12/2013 ore 18,30 Data di chiusura: 6/1/2014 Abstract: Alle ore 17.00 presso la Galleria d’Arte Moderna a Palazzo Collicola verrà presentata la collana enciclopedica “STORIA DELL’ARTE ITALIANA DEL ‘900 PER GENERAZIONI” a cura di GIORGIO DI GENOVA, alla presenza dell’autore. A partire, dalle ore 18.30 presso “l’OFFICINA d’arte&tessuti” verrà inaugurata la mostra “GENERAZIONE ANNI ‘20”, con opere uniche degli artisti nati dal 1920 al 1929. E’ questo il primo appuntamento di una rassegna che prevede complessivamente tre mostre: GENERAZIONE ANNI VENTI, TRENTA e QUARANTA, che verranno organizzate da dicembre 2013 fino all’estate 2014. L’evento inaugurale darà la possibilità di ammirare opere di 25 artisti, fondatori di movimenti, gruppi, sodalizi, personalità individuali e nomi non noti al grande pubblico ma le cui opere sono tutte sicuramente dotate di ricerca, sperimentazione, tecnica, sapienza e pensiero. La direzione artistica ha voluto dare vita, con questa mostra, ad un progetto che vede protagonisti tutti quegli artisti attivi a partire dal Dopoguerra fino ad arrivare alla GENERAZIONE ANNI ‘40. In tal modo si persegue l’indirizzo culturale alla base delle attività dell’ “Officina d’arte&tessuti”, vale a dire presentare artisti che adottano linguaggi innovativi, unitamente ad artisti che, operanti nel passato, fanno parte del patrimonio culturale del nostro Paese. Questo è stato possibile anche grazie alla collaborazione con la Modern Art Consulting di Daniele Taddei ed il supporto dei due partner. Orari di apertura: 11,00-13,00/ 16,30- 20,00 DAL GIOVEDI ALLA DOMENICA Patrocini: Comune di Spoleto Ufficio Stampa: Emanuela Duranti Curatori: Daniele Taddei, Maria Giuseppina Caldarola


http://www.officinadartetessuti.com

 
DSCN0253.JPG

Collettiva di artisti - Spoleto festival Art 2013

Véronique Dominici Françoise Donis Emanuela Duranti Hélène Lagnieu Alessandro Grazi Maria Carmela Milano Lydia Predominato Giovanna Ricotta

Nell'ambito dello Spoleto Festival Art 2013 l'Officina d'arte&tessuti ha proposto una collettiva di artisti, riunendo tutti coloro che si sono alternati in galleria a partire dal 2012:Françoise Donis, Emanuela Duranti, Hélène Lagnieu, Maria Carmela Milano, Lydia Predominato, Giovanna Ricotta. Si tratta di tele, fotografie, video-art ed opere di fiber-art. Solamente un'artista, la fotografa Emanuela Duranti, era presente per la prima volta come proposta dell'Officina. A questa artista è stato dedicato uno spazio preminente esponendo fotografie da "Luci e ombre a S. Salvatore", una poetica ed al tempo stesso razionale visione dell'architettura, per passare al suo ultimo lavoro "Il Viaggio", nel quale esprime una visione materica, informale della realtà.


http://www.officinadartetessuti.com

 
bozza-invito1.jpg oliosutela1971cm70x70Lafollaeilmare.jpg IGUERRIERICM50X60.jpg Ilcomizio,dipintosutela,cm25x40.jpg Luminareesignora,multiploinbronzo1-99,h.cm28.jpg Borghese,IlBarbiereRobot,dipintosutelacm65x85.jpg

Omaggio a Franz Borghese - mostra personale

Spoleto Festival Art 2013

COMUNICATO STAMPA Spoleto – Sabato 28 settembre, a partire dalle 10,30, presso il complesso monumentale di S. Niccolò (sala dei reperti archeologici, piano -1) si inaugura la mostra personale di Franz Borghese: “Omaggio a Franz Borghese”, dove saranno presenti 15 opere su tela e 5 sculture in bronzo (multipli). L’iniziativa, promossa dall’Officina d’arte&tessuti di Spoleto, realizzata con il patrocinio dello Spoleto FestivalArt e con la collaborazione dell’Associazione Studio Franz Borghese di Milano, vuole rendere omaggio all’artista romano prematuramente scomparso nel 2005. La poetica di Borghese si manifesta graffiante, ma non tragica nella sua espressione artistica, comunque dotata di una forte emotività nella rappresentazione dei vari personaggi che popolano la vita o la fantasia di ognuno di noi. Le sue tecniche sono varie: dall’olio. all’acquarello, alla china ed a tecniche miste che il maestro definiva tout court “dipinto su tela o su tavola”. Si è parlato molto dell’ironia che l’artista mostra nei suoi lavori, ma si può dire che tale aspetto sia piuttosto la cornice di una più profonda conoscenza umana e di tutto ciò che la circonda. In quelle figure a volte grottesche, a volte simboliche, a volte anonime come manichini, vengono rappresentate le nostre aspettative e frustrazioni. L’artista non descrive solamente, ma entra all’interno di ogni personaggio con profonda umanità e, al di là degli aspetti specifici di critica dei comportamenti, supera il particolare, per tendere a raggiungere una visione universale che riguarda l’umanità, noi tutti. Quegli uomini in tuba, trampolieri e funamboli, o quelli in divisa, che sembrerebbero rappresentare l’Autorità, non rappresentano solo una condizione sociale, ma stereotipi costruiti per un‘analisi della condizione umana dove siamo tutti presenti, con le nostre debolezze, i nostri vizi, le nostre passioni, le nostre ansie e con la fatica e la gioia del vivere. Le folle che si accalcano per qualche avvenimento o per godere di ciò che la natura offre (v. La folla e il mare) , ne sono la conferma. Un’artista complesso, per il quale il valore figurativo, a volte anche violentemente espresso, sintetizza una visione reale ma anche fantastica della vita, senza etichette ed al di fuori di canali già definiti. Dove i personaggi si caratterizzano non solo nella loro rappresentazione figurativa ma anche nel colore, diverso secondo il carattere o l’azione del momento. Un’artista vero. Testimone del suo tempo, ma proiettato verso una comprensione più vasta della vita. Bio Artista Franz Borghese - Associazione Studio Franz Borghese, Corso di porta nuova 34 - 20121 Milano tel. 02877069 - fax 0272002334 Nasce il 21 gennaio 1941 a Roma, dove compie i suoi studi presso l'Accademia di Belle Arti e Liceo Artistico, con Domenico Purificato, Giuseppe Capogrossi, U. Maganzini e Giulio Turcato.  Nel 1964 fonda la rivista d'arte e cultura "Il ferro di cavallo". Le sue prime personali: nel 1968 alla Galleria "N.F.1" di Roma; nel 1969 e 1971 alla Galleria "Il Calibro" a Roma; nel 1970 alla Galleria "Il Rombo” di Catanzaro; nel 1980 espone alla "Citybank di Torino; nel 1981 alla Galleria "Il Cannocchiale" di Milano. Personale nel 1986 al Museo Nazionele di Castel San’Angelo di Roma e varie altre personali. Nel 1990 personale alla galleria “Arte Immagini Santerasmo” di Milano, che si ripeteranno varie volte fino al 2005, poco prima della sua morte che avviene improvvisamente il 16 dicembre. Scheda tecnica EVENTO: Omaggio a Franz Borghese, Mostra personale nell’ambito della Rassegna Spoleto FestivalArt DOVE: sala dei reperti archeologici (Piano -1) complesso S. Niccolò QUANDO: 27-30 settembre 2013 INAUGURAZIONE: sabato 28 settembre, ore 11 ORARIO DI APERTURA: 10,30-20,00


http://www.officinadartetessuti.com

 
invitolp.jpg DSC_39822.jpg DSC_39882.jpg DSC_39892.jpg DSC_40012.jpg DSCF25922.jpg

Mostra personale di Lydia Predominato (6 - 28 luglio 2013)

fiber art a Spoleto

Nata


https://www.officinadartetessuti.com

 
Fai-la-cosa-giusta_GR-1.jpg DSC_1340_acquisita.jpg DSC_1157_contovendita.jpg DSC_1142_contovendita.jpg 128.JPG

Giovanna Ricotta: Fai la cosa giusta (7 marzo/ 7 aprile 2013)

A cura di Silvia Grandi

La mostra sarà allestita in due ambienti principali, in modo da suggerire al visitatore un ideale percorso tra gli oggetti-opera indossati dalla performer, le atmosfere e le simbologie rievocate nel suo lavoro: in una stanza troviamo un chimono, le scarpe-sushi e una spada-pennello su una pedana nera; alle pareti sono appese quattro fotografie stampate su alluminio che mostrano diverse inquadrature della performance; in una delle due sale sarà proiettato il video della durata di 9’17’’.


http://www.officinadartetessuti.com

 
locandina_AG_ok.jpg

I semi non sono finiti (28 aprile/19 maggio 2013)

Personale di Alessandro Grazi

xb,xm-dòv,D


http://www.officinadartetessuti.com

 
officina.jpg

Tout ne tient qu’à un fil (7 - 21 luglio 2012)

Luglio 2012

“Tout ne tient qu’à un fil” : è quel che penso del/nel tessere. Fili, nodi, intrecci, trame: parole che si adattano ad un linguaggio tecnico e, al contempo, fanno parte del vocabolario delle relazioni umane, di quelle amorose, di quelle politiche se pensiamo ad ordito, ordire, tramare, cambiare passo. Fili, che grazie al movimento del telaio formano arazzi, tessuti, figure, storie. Tramare, ordire, la tela di Penelope, il filo di Arianna. “Tout ne tient qu’à un fil” è anche il titolo di un’opera dell’artista e amica Véronique Devesa Dominici di Avignone. Così è nata l’idea per l’evento che segna l’avvio dell’Officina d’arte&tessuti a Spoleto: Véronique, che utilizza e ricicla tessuti per adornare le sue mise en scène e le altre artiste; l’Officina, che ha l’obiettivo di far conoscere tessuti e tecnologie tradizionali, con un’idea di innovazione che guardi all’eco-sostenibilità del manufatto tessile lungo tutte le fasi della filiera. Intreccio tra artigianato ed arte, un aspetto culturale che ha origini lontane. Merita oggi di essere ripreso e approfondito.


http://www.officinadartetessuti.com

 
manifesto-SFA2012-70x100.jpg Lautomne.jpg Borée3.jpg Femmeauchapeau.jpg AlamanièredeMilord.jpg CIMG3515.JPG CIMG3528.JPG

Spoleto Festival Art 2012 (28 settembre - 1 ottobre 2012)

Mostra d'arte internazionale - Complesso monumentale di S. Nicolò

L'Officina d'arte&tessuti è stata presente con cinque artiste: Véronique Dominici, Françoise Donis,Hélène Lagnieu, Agnes Levy.m, Evelyne Postic.


http://www.spoletofestivalart.com